QuoMarkets

Cosa succede alle azioni quando un'azienda diventa privata?

Ti sei mai chiesto cosa accadrebbe se una delle società in cui investi attraverso un portafoglio venisse improvvisamente cancellata dal mercato azionario? 

 

Sai cosa accadrebbe alle tue azioni? Armando, protagonista di una situazione del genere, è oggi un caso da cui imparare. Qualche anno fa la grande azienda informatica americana Dell ha deciso di ritirarsi dalla Borsa di New York e di diventare una società privata. Lo ha fatto grazie a grandi prestiti e al sostegno finanziario di altri partner. 

 

Ciò significava che tutti gli investitori di minoranza che avevano investito i loro soldi nei suoi titoli non erano più azionisti o detentori di quegli strumenti. Armando aveva iniziato a investire in quel periodo e l'evento lo allertò perché possedeva azioni della Dell. Si chiese, non senza disperazione, cosa sarebbe successo. In effetti questa è una domanda che ogni investitore si sarà posto durante tutta la sua carriera di investimento. E in caso contrario, non è troppo tardi per comprendere il processo. 

 

Pubblico contro privato 

Una società pubblica è una società quotata in borsa. Pertanto, oltre ai proprietari e agli azionisti di maggioranza, ci sono anche azionisti di minoranza che non prendono decisioni significative sulla società. 

 

Se investi in azioni societarie, possiedi una piccola parte di tutte quelle società in cui hai investito del denaro tramite azioni. In generale, le società quotate in borsa si quotano in borsa con un’offerta pubblica iniziale e poi rimangono lì per sempre. È un modo per avere capitale fresco in modo continuativo. 

 

Tuttavia, gli azionisti di maggioranza di una società possono decidere di venderla o che un'altra società non quotata acquisisca l'azienda in questione. Cosa succede allora all’investitore di minoranza? Era la domanda che Armando si pose nel 2013 quando la notizia annunciò che Dell sarebbe diventata privata. 

 

La società dovrà pagare ai suoi azionisti di minoranza tutte le azioni che detengono, ad un prezzo di cui beneficiano, non inferiore al loro valore di mercato al momento dell'acquisto. Nel frattempo, la società sta ritirando tutte le sue azioni attraverso meccanismi operativi e legali. È stato un costo elevato per l’azienda e i suoi proprietari, ma è stato necessario per proteggere coloro che non erano coinvolti nella decisione. 

 

Ma cosa succede se un’altra società assorbe una società di cui possiedo azioni? 

L'unica cosa che succede è che le azioni della società che hai acquistato vengono scambiate con azioni della società che ha assorbito le tue. I tuoi scompaiono, ma non hai alcuna perdita poiché ne ricevi altri in cambio. È un argomento con cui a volte le persone cercano di spaventare gli investitori. O citando società note che “non esistono più, e quindi le azioni di quelle società non esistono più”. 

 

Ad esempio, il Banco Central e il Banco Hispanoamericano non esistono più, ma ciò non significa che chi ha acquistato azioni di queste due banche abbia perso tutto. Le persone che una volta acquistavano azioni del Banco Central o del Banco Hispanoamericano ora sono azionisti del Banco Santander se non hanno venduto le proprie azioni.  

 

Anche Hidroeléctrica Española e Iberduero scomparvero, ma i loro azionisti divennero azionisti di Iberdrola. Non esistono più nemmeno le azioni della Catalana de Gas e della Gas Madrid. Tuttavia, tutte le persone che possedevano azioni di queste società e le hanno mantenute sono ora azionisti di Gas Natural Fenosa. 

 

Lezioni sugli investimenti 

 Cinque anni dopo che Dell ha riacquistato le sue azioni, è diventata pubblica e si è indebitata per risanare le proprie finanze, è tornata ai titoli dei giornali con una notizia che Armando ricorda ancora: 

 

 “Dell, la più grande azienda privata del mondo, sarà quotata alla Borsa di New York dopo aver lanciato un'offerta per l'acquisto dei titoli di DVMT in un'operazione in contanti e azioni del valore di $21,7 miliardi, 18,7 miliardi di euro. DVMT, la società, è stata creata per finanziare la fusione con EMC nel 2016, quindi ha emesso azioni successive riferite a VMware, una delle società del gruppo EMC. 

 

 Armando non ci ha pensato due volte e ha reinvestito nell'azienda. Le fluttuazioni del mercato sono costanti. È un ambiente in cui è presente volatilità. Ma è possibile adottare diverse strategie vantaggiose. 

 

 Un consulente finanziario è un aiuto essenziale, anche se deve essere accompagnato dalla conoscenza dell’ambiente in cui vengono investiti i vostri soldi. Questa è stata la lezione più importante che Armando ha tratto dal caso Dell e che oggi condivide con gli investitori. 

 

 

Il contenuto di cui sopra è fornito e pagato da QuoMarkets ed è solo a scopo informativo generale. Non funge da investimento o consulenza professionale e non deve essere considerato come tale. Prima di agire sulla base di tali informazioni, ti consigliamo di consultare i tuoi rispettivi professionisti. Non accreditiamo terze parti a cui si fa riferimento nell'articolo. Non dare per scontato che i titoli, i settori oi mercati descritti in questo articolo fossero o saranno redditizi. Le prospettive economiche e di mercato sono soggette a modifiche senza preavviso e potrebbero essere obsolete se presentate qui. Le performance passate non garantiscono risultati futuri e potrebbe esserci la possibilità di perdite. I risultati storici o ipotetici della performance sono pubblicati solo a scopo illustrativo.

Condividere
QUOlogo_RGB_S

grazie per la visita
QuoMarkets.com

Confermo di essere interessato a visitare questo sito Web senza previa richiesta e di non aver ricevuto alcuna attività di marketing diretto non consentita nel mio paese di residenza.

La tua risposta non è conforme alla visita del nostro sito web.